Na canta de na volta

“Nona, nona! Come jerea che canta che te me contavi ieri? Doman ea maestra ne fa fare el tema, a voria scrivarghe quea!” Me nona jera na fonte inesauribie de cante, de cansonete, de storie de na volta, tanto che mi, ogni volta che ghe jera da fare un tema in classe, faseo sempre queo fantastico, parché cussita podevo reciclare queo che me contava ea. “Vegnarà anca che ea maestra me sgama, che no le xe proprio mie…” a pensavo ogni volta che consegnavo el foio. ” Tanto le xe sempre ambientà sui munti, la capirà che ghe xe qualche montanaro in fameia..” Vago rente a me nona che la xe intenta a fare i gnochi. Come che i fa ea i gnochi no i fa nessùn. I xe grandi, schicià in meso col deo, la ghe dà na roesada sol piròn par farghe i segni, cussita se taca meio el ragù, e dopo li stende soa toea infarinà, uno rente chealtro, che i pare tanti soldatini gialli tuti in fia. “An nona?” ghe digo, “mea contito uncora?” E me nona la me varda da de sora i uciai, voendo domandarme: “ma proprio desso?”, e invesse la me dise: “Prima varda se boie el ragù, daghe na smissiada”. Mi me ciamo Andrea, a go 40 ani desso, e me nona no li ga visti tuti. Ma quando che magno i gnochi, xe come se sentisse in cusinin che la me ciama, par gratare el formaio, par vardare che i vien su dal’acua. Eora me vien da contarghe a me fioeo, picenin, cossa che fasevo co’ iero mi picenin. E ogni volta la so richiesta la xe sempre quea: “Opà? Me contito na canta de na volta?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...